Big man, pig man, ha ha charade you are.

battersea power station, inserito originariamente da inmicio.

circa una decina di anni fa mio padre mi regalò un album dei Pink Floyd con il quale aveva e ha un rapporto difficile e controverso.
lo aveva acquistato in cassetta da giovane poco prima di partire per la naia, nel ’77.
da quell’esperienza la cassetta non tornò mai a casa, quanto meno non con mio padre: qualcuno aveva forzato il suo armadietto e fatto sparire quella e parecchie altre cose.
23 anni dopo me ne regalò la versione su cd e ricordo bene il suo sguardo mentre ascoltavamo insieme Animals.
per me era la prima volta.
per lui era richiamare alla memoria una stagione poco felice della propria esistenza.

la Battersea Power Station, ritratta nella copertina dell’album, è il simbolo di un certo tipo di struttura in degrado, è il manifesto di un sogno architettonico e di uno stato d’animo.
due volte sono stato a Londra, finora, e due volte ho sentito il bisogno di vederla, di passarle accanto, di ammirarla.
e lei, meravigliosa, maestosa, si è stagliata di fronte a me, si è nascosta, ha occhieggiato tra gli alberi del Battersea Park.
mi dovrò inventare, qualcosa, per la prossima sessione londinese, per fare in modo di entrare.

un piccolo tributo a un grande film, ove la citazione rasenta, a sua volta, il tributo, in questo caso duplice grazie ai King Crimson.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in impressioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...